Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Lifelong Learning Project - School Inclusion - Preventing Early School Leaving

Database delle pubblicazioni

TITOLO DELLA PUBBLICAZIONE:

La dispersione scolastica? Si combatte con computer e social network

NOME E COGNOME DELL’AUTORE/I:

Andrea Giambartolomei

EDITORE:

La Repubblica

LUOGO E DATA DELLA PUBBLICAZIONE:

Torino, 28 settembre 2012

TIPOLOGIA DELLA PUBBLICAZIONE:

Articolo di giornale

LINGUA DELLA PUBBLICAZIONE:

Italiano

DESCRIZIONE DEI CONTENUTI:

Il presente articolo, tratto dal quotidiano La Repubblica, riporta gli interventi e le posizioni di esponenti del Ministero italiano dell’Istruzione e di un esperto a proposito della questione dell’abbandono scolastico. Nel suo commento, il sottosegretario all’Istruzione Rossi Doria considera drammatica la situazione dell’Italia riguardo al numero di studenti che ogni anno abbandonano precocemente la scuola: l’obiettivo europeo sancito dalla seconda Strategia adottata a Lisbona (“Europa 2020”) è ancora troppo lontano e gli sforzi e i cambiamenti che il sistema educativo italiano deve portare avanti per ridurre il numero di “drop out” sono molti. Una possibile risposta a questo problema potrebbe essere quella di introdurre nelle scuole le nuove tecnologie, i media digitali, per sperimentare più moderni stili di apprendimento e attrarre così l’attenzione degli studenti a rischio di “drop out”. Questa è la proposta del docente di nuove tecnologie dell’Università Cattolica di Milano, Pier Cesare Rivoltella, il quale è fermamente convinto che questo tipo di fenomeno possa essere ridimensionato solo se la scuola si rinnova e accoglie le sfide e le opportunità fornite dalle tecnologie informatiche del nuovo millennio. La figura dell’insegnante deve rimanere, però, un punto di riferimento, come afferma il consigliere per le nuove tecnologie del ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, Vittorio Campione: l’introduzione di questi strumenti non può sostituire le tradizionali pratiche di apprendimento, ma deve affiancarle. Quest’ultimo parla anche degli ottimi risultati raggiunti in alcune scuole d’Italia grazie agli investimenti nel settore tecnologico. Infine, l’autore dell’articolo cita le parole di un giovane scrittore, che riguardo al tema della dispersione scolastica espone una tesi lucida e concisa: il segreto per combattere l’abbandono scolastico è quello che lui definisce il “triangolo amoroso” tra studenti, famiglia e insegnanti, ovvero un rapporto trilaterale intenso e collaborativo che miri a scoprire i punti di forza e di debolezza degli studenti.

COMMENTO SULLA PUBBLICAZIONE:

Il presente articolo si struttura in modo coerente e introduce il lettore al tema in questione con una panoramica generale sugli sviluppi recenti del fenomeno dell’abbandono scolastico in Italia. Esso presenta in estrema sintesi la posizione del governo del paese, il quale è convinto che l’introduzione di nuove tecnologie nelle classi possa aiutare a risolvere il problema. Data la complessità del fenomeno analizzato, questo tipo di proposta potrebbe essere vista come uno dei possibili rimedi al “drop out scolastico”, la quale dovrebbe però essere integrata con altri strumenti altrettanto efficaci. Di grande importanza sono i dati statistici riportati dall’autore, attraverso le citazioni indirette dei funzionari sull’istruzione, che confermano largamente gli effetti positivi che l’adozione dei media digitali (come le lavagne interattive e le connessioni in classe) ha avuto sulle performance dei ragazzi. L’autore sottolinea l’importanza del ruolo dell’insegnante, che non può essere sostituito dalla digitalizzazione dei metodi di educazione degli studenti. Questa è una riflessione importante, che dimostra di voler mantenere un rapporto di equilibrio tra la tradizione e l’innovazione. L’ultima parte, dedicata alla tesi del “triangolo amoroso”, si conclude con l’intervento dello scrittore Alessandro D’Avenia, che avanza una proposta interessante, ponendo in primo piano lo studente e i suoi bisogni.

AUTORE DELLA RECENSIONE:

Sara Ciabattini

ISTITUZIONE:

Pixel Associazione

RUOLO:

Project Assistant



Login Area

15 November 2012

[email protected] at the Future of Education Conference

The [email protected] projet will be presented at the third edition of the “Future of Education” international conference, held in Florence, Italy, on 13 - 14 June 2013. Over 250 participants from all over the world will attend the conference. The conference participants belong to the sectors of higher education, school education, vocational education and training as well as adult education, therefore representing all of the target groups of the [email protected] project.

School Inclusion - Copyright 2008 - This project has been funded with support from the European Commission

Valid XHTML 1.1Valid CSS!  Comunicazione grafica: Achrom.it - Programmazione & Web Marketing: Pinzani.it - Hosting by: Connectis s.r.l.
Materiale fotografico: © Yuri Arcurs | Dreamstime.com